Mi chiamo Enrica, consacrata a Gesù Crocifisso nel febbraio 2014 insieme al mio amato Enzo, venuto a mancare il 24 dicembre 2015, con questa mia breve riflessione vorrei testimoniare la gioia di Dio che mi ha accompagnato in questi anni di malattia di mio marito Enzo: la SLA.
Durante questo periodo ho potuto conoscere più da vicino il Padre Alberto. Lui, pur essendo malato, veniva nella nostra casa per stare vicino ad Enzo con le sue preghiere e gli ha amministrato il sacramento dell’unzione dei malati per tre anni consecutivi.
E’ stato per noi un dono grandissimo!
Quando Enzo ancora parlava, dopo che si era pregato insieme, si raccontavano anche delle cose accadute che ci facevano ridere.
Una volta Enzo raccontò al P. Alberto quando, in ospedale con la camera sempre piena di tantissime persone, un’infermiera gli chiese: “Enzo intorno a te ci sono sempre tante persone, come mai?” e mio marito disinvolto: “Vedi, perché ancora sono vivo; se fossi morto ce ne sarebbero tante di più!”. P. Alberto sorrise dicendo: “Vedi, anch’io sono stato in ospedale, anch’io ho avuto tante visite, ma mai mi è venuto in mente di rispondere così” e tutti ci siamo fatti una grande risata!
Il giorno del funerale di P. Alberto e, pochissimi giorni dopo, a quello di Enzo, le persone erano veramente tantissime tanto che i tutti dicevano che non era un funerale ma una festa.
Adesso immagino P. Alberto ed Enzo seduti intorno a Gesù (Enzo forse girerà loro intorno con la moto) che lo lodano per la pace raggiunta, pregando per noi affinché possiamo un giorno riabbracciarli.
Grazie P. Alberto di tutto quello che hai fatto per me e per Enzo.

Enrica Gaudenzi Ferretti

19/01/2016 | Tags: | Categoria: Archivio News, Testimonianze |

PassionistiPiet.it tendopoli.it sangabriele.org vangelodelgiorno.org
PassioChristi.org Amici di Gesù Crocifisso - Fossacesia madonnadellastella.eu ancilla.it
zenit.org ibreviary.com Configurazione Eugenio Bossilkov santagemma.org
Mamme per sempre - ONLUS Gloria.TV ASEAP campidelli